venerdì 25 gennaio 2019

Di cosa ho bisogno per scrivere



Una poesia di Jane Yolen, dal suo libro Sister Fox's Field Guide to the Writing Life. La traduzione all'impronta, è il mio regalo di compleanno a me stessa, ma spero di tradurne altre da questo libro,  adatto a chiunque lavori nel campo delle arti e si trovi in un momento di difficoltà o di grande impegno, proprio quel momento in cui sembra che l'ispirazione venga meno. La parola è lì, un animale svelto che non si lascia afferrare, scappa in una tana, stretta perfino per la più piccola delle mani. Allora bisogna sedersi e aspettare. Guardare l'erba, la luce, la poca gente che passa... o leggere e amare le poesie degli altri. 


What do I need to write

I tell them I need a keyboard,
laptop, cup of tea,
birdsong, morning light.

I say I need quiet, a long walk,
dog on the leash or off.

I insist I need a banana,
Apple, Muse, daemon.

I talk about the coolness of the day,
sweetness of a baby’s breath,
kiss from my sweetheart,
the full moon.

                           I lie.

It is what I do best, lying,
making up stuff, creating a fiction
of myself as writer.
In the end, it is all I really need.


Di cosa ho bisogno per scrivere

Dico a tutti che ho bisogno di una tastiera,
un computer, una tazza di tè,
il canto degli uccelli, la luce del mattino.

Dico che ho bisogno di quiete, una lunga camminata,
il cane al guinzaglio o libero.

Insisto che ho bisogno di una banana,
una mela, una Musa, un demone.

Parlo del fresco che fa,
dell’alito dolce di un bambino,
del bacio del mio amato,
della luna piena.

                               Mento.

È ciò che mi riesce meglio, mentire,
inventare roba, creare un romanzo
su me stessa scrittrice.
Alla fine, è tutto ciò di cui ho davvero bisogno.


Jackie Morris, The space between Hare and Fox

Nessun commento:

Posta un commento